GREEN PASS IN CONDOMINIO

0

Per quanto concerne l’applicabilità della normativa sul green pass, il condominio può essere visto sotto due punti di vista: il primo è nella sua classica accezione di insieme di beni comuni ed esclusivi, nel qual caso non risulta soggetto ad alcuna delle normative su obblighi e controlli in tema di green pass. Dal secondo punto di vista, invece, laddove il condominio abbia dipendenti (es. il portiere), questo verrà considerato un luogo di lavoro e, come tale, risulterà soggetto alla normativa anti-covid (green pass, mascherine, ecc.).

Per quanto concerne la figura dell’amministratore, tralasciando in questa sede la componente giuridica, basti sapere che attualmente si ritiene che anche egli, in qualità di professionista, abbia l’obbligo di possedere il green pass.

Dott. Marco Suisola nato a Firenze il 25 aprile 1978 svolge l’attività di amministratore di condominio a livello professionale dal 1999. Associato inizialmente alla Federazione Nazionale Amministratori fino al 2015, diventa poi socio fondatore della Confartamministratori, nella quale ha rivestito la carica di tesoriere e parte integrante del CDA. Di recente è iscritto anche all’associazione Gesticond. Ha frequentato nel 2006 presso l’università di Firenze il primo corso di formazione di diritto condominiale. Ha ottenuto la qualifica di consulenze tecnico di ufficio (CTU) in ambito condominiale nell’anno 2014 e quella di revisore condominiale nel 2017. Laureato nel 2018 in scienze dei servizi giuridici come esperto giuridico immobiliare. Attualmente sta frequentando un master sul Real Estate Property and Building Management.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui