I DOCUMENTI CONTABILI IN CONDOMINIO

0

Premessa

Quella dei documenti contabili concernenti l’amministrazione condominiale è sicuramente una delle materie più delicate sia per l’amministratore, che deve rispettare i criteri di redazione e di presentazione all’assemblea, sia per i condomini stessi che, anche al fine di esercitare un controllo attivo sulla gestione, dovrebbero saperli leggere ed interpretare.  

I documenti

I principali documenti contabili in condominio sono: il registro di contabilità e il rendiconto annuale. Il primo, come si può capire anche dalla sua stessa nomenclatura, è un documento nel quale vengono annotate le varie movimentazioni e che, per questo, offre una visione più “dinamica” della situazione economico finanziaria del condominio. Il rendiconto annuale, invece, di cui il registro di contabilità fa parte assieme al riepilogo finanziario ed alla nota esplicativa, si occupa di fornire al lettore la situazione complessiva del condominio ad una determinata data e, per questo, si può dire che offra una visione più “statica” e cristallizzata. Proprio in merito al rendiconto annuale, il codice civile e copiosa giurisprudenza, al fine di permettere quel controllo attivo di cui si è parlato in premessa, oltre a stabilire (astrattamente) che questo documento debba rispettare principi di chiarezza, semplicità e trasparenza, ci ricordano che la nota esplicativa ed il rendiconto finanziario ne rappresentano una componente inscindibile ed imprescindibile, pena l’annullabilità della delibera assembleare di approvazione del rendiconto stesso.

Oltre ai documenti appena elencati, comunque, degno di nota è sicuramente il fondo di riserva condominiale, ossia un “gruzzoletto” che l’amministratore lungimirante propone ai condomini di accantonare in vista di spese non previste dovute alle più svariate ragioni.

Valore legale

Infine, per quanto concerne il valore legale dei documenti contabili condominiali, un’importante riferimento ci giunge da una recente decisione giurisprudenziale che, oltre a soffermarsi ancora una volta sul principio secondo il quale il rendiconto condominiale deve originarsi dai dati di chiusura del consuntivo dell’anno precedente (salvo che una sentenza passata in giudicato non ne abbia riconosciuto l’invalidità), ci ricorda come proprio il rendiconto, pur non essendo un documento dal quale originano veri e propri crediti nei confronti dei condomini, può comunque essere utilizzato quale titolo idoneo a fondamento della richiesta di denaro avanzata dal condominio ad uno o più condomini debitori.

Dott. Marco Suisola nato a Firenze il 25 aprile 1978 svolge l’attività di amministratore di condominio a livello professionale dal 1999 e la sua società ad oggi è composto da 14 dipendenti e 3 soci. Associato inizialmente alla Federazione Nazionale Amministratori fino al 2015 per poi diventare socio fondatore della Confartamministratori, nella quale ha rivestito la carica di tesoriere e parte integrante del CDA. E’ stato iscritto anche all’associazione Gesticond per un breve periodo ed ha fatto parte del consiglio. Svolge con regolarità l’aggiornamento professionale previsto per normativa dalla legge 140/2014 . Ha conseguito la qualifica di Revisore condominiale nel 2017. Conseguito attestato per corso di formazione e aggiornamento professionale in diritto condominiale presso l’università di Firenze nell’anno 2006. Frequentato il corso per ottenere la qualifica di consulenze tecnico di ufficio in ambito condominiale nell’anno 2014. A dicembre 2018 ha conseguito la laurea triennale in scienze dei servizi giuridici come esperto giuridico immobiliare rilasciata dall' Università degli studi Guglielmo Marconi Roma. A febbraio 2020 ha scritto il suo primo libro" Il condominio per tutti" pubblicato dalla casa editrice il Masso delle Fate. Nel marzo 2020 ha ottenuto la certificazione come black belt manager. Fa della formazione personale e dell’ aggiornamento professionale i suoi punti di forza. Da maggio 2020 al dicembre 2021 è stato presidente della società Benessere condominiale srl che si occupa di amministrazioni condominiale a livello nazionale. Dal luglio 2020 vice presidente nazionale dell'associazione Conei. Ha fondato nel 2020 il marchio Simplycondominio con il quale svolge collaborazioni sul territorio con altri amministratori.