RIFORMA BARRIERE ARCHITETTONICHE

3

Fino all’entrata in vigore della l. 120/2020, era sufficiente la maggioranza dei condomini che rappresentassero almeno 1/3 del valore dell’edificio (a differenza di tutte le altre innovazioni, con quota fissata a 2/3) al fine di deliberare interventi di rimozione di barriere architettoniche che permettessero ai portatori di handicap un facile accesso alle strutture condominiali.

Tuttavia, con la riforma, si è andati ad incidere (in peius) proprio su questo quorum semplificato, stabilendo che, in futuro, sarà necessaria la maggioranza dei condomini che rappresenti almeno 1/2 del valore dell’edificio.

Con la stessa norma, però, si è precisato anche che gli interventi di rimozione di barriere architettoniche deliberati non potranno essere considerati alla stregua di innovazioni voluttuarie, con tutto quello che ne consegue in tema di partecipazione alle spese.

3 Commenti

  1. What’s Happening i’m new to this, I stumbled
    upon this I have found It positively useful and it has helped me out loads.
    I am hoping to contribute & aid different customers
    like its helped me. Great job.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui