Spese personali in condominio

L’assemblea di condominio rappresenta l’organo decisorio rappresentativo e, come tale, gode di ampia discrezionalità, in particolare, per quanto riguarda tutto ciò che sia inerente ai beni condominiali e alla loro conservazione e manutenzione.

L’assemblea incontra, però, anche numerosi limiti imposti dalla legge che vanno a precludere che la volontà condominiale possa incidere su determinati ambiti riservati alla volontà dei singoli condomini: uno di questi ambiti riguarda le cosiddette spese personali, ossia tutte quelle spese che, appunto, non afferiscono alla conservazione dei beni comuni.

Dal punto di vista giuridico, una deliberazione concernente l’approvazione dell’addebito di spese aventi carattere personale sarebbe invalida ed il suo vizio sarebbe talmente grave che potrebbe essere fatto valere dai legittimati in qualsiasi momento e potrebbe persino essere dedotto direttamente dal giudice in sede di giudizio.