SUPERBONUS NEI CENTRI STORICI

0

Una delle problematiche che affligge i centri storici in relazione alla fattibilità di interventi coperti da superbonus, in particolare quelli antisismici, è data dalla loro concezione come agglomerati di edifici accorpati tra loro o a contatto e che, quindi, potrebbero avere reciproche ripercussioni in caso di eventi sismici. Da qui la necessità di operare attraverso “progetti unitari” da riferirsi a “unità” di varia grandezza, a seconda dei casi e dei collegamenti tra gli edifici. La normativa di riferimento, però, individua i massimali di spesa in relazione a singole unità immobiliari, mentre le caratteristiche fisiche degli edifici impongono, appunto, valutazioni di ben più ampia portata. Tenendo, quindi, conto della complessità del tessuto edilizio storico, l’individuazione dell’unità strutturale non sarà univoca e regolamentata e perciò il tecnico dovrà stare attento a non recare un peggioramento delle condizioni nelle unità immobiliari o strutturali adiacenti.

Dott. Marco Suisola nato a Firenze il 25 aprile 1978 svolge l’attività di amministratore di condominio a livello professionale dal 1999. Associato inizialmente alla Federazione Nazionale Amministratori fino al 2015, diventa poi socio fondatore della Confartamministratori, nella quale ha rivestito la carica di tesoriere e parte integrante del CDA. Di recente è iscritto anche all’associazione Gesticond. Ha frequentato nel 2006 presso l’università di Firenze il primo corso di formazione di diritto condominiale. Ha ottenuto la qualifica di consulenze tecnico di ufficio (CTU) in ambito condominiale nell’anno 2014 e quella di revisore condominiale nel 2017. Laureato nel 2018 in scienze dei servizi giuridici come esperto giuridico immobiliare. Attualmente sta frequentando un master sul Real Estate Property and Building Management.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui